Chat di gruppo: FaceTime trasforma l’iPhone in una cimice

di Andrea Trapani

Una vulnerabilità nella app FaceTime di Apple può trasformare l’iPhone in un dispositivo di intercettazione che trasmette in diretta all’ascoltatore indiscreto i contenuti provenienti dalla telecamera e dal microfono. La funzione in oggetto è stata momentaneamente sospesa.

Un errore di programmazione della funzionalità di conferencing del software FaceTime di Apple può trasformare lo smartphone in una cimice in modo del tutto efficace, senza che la vittima se ne renda conto. Il bug permette ai cybercriminali di attivare una nuova chiamata di gruppo a cui possono venire aggiunti più utenti.

Secondo Apple’s 9to5Mac, che ha riportato l’accaduto, la creazione di questa chiamata sarebbe sufficiente ad ottenere l’accesso diretto al microfono. Un hacker dovrebbe soltanto aggiungere se stesso alla conversazione su FaceTime per ascoltare tutto. Anche la telecamera può essere attivata all’insaputa dei partecipanti. Tutti i contenuti vengono trasmessi fino a quando sul display è visibile la chiamata in ingresso.

Apple annuncia una patch nel corso della settimana
Lunedì sera Apple ha disattivato la funzionalità in oggetto menzionando che metterà a disposizione una patch nel corso di questa settimana. Momentaneamente gli utenti possono soltanto usufruire di chiamate uno-a-uno via FaceTime. Un servizio ad appannaggio esclusivo degli utenti Apple.

Apple tutela la connessione dati di FaceTime cifrandola”, spiega Tim Berghoff, Security Evangelist di G DATA. “In questo caso però, la misura di sicurezza non offre protezione contro l’intercettazione.” Gli utenti possono quindi solamente attendere che Apple metta a disposizione l’aggiornamento. Dato che il produttore ha sospeso la funzionalità oggetto di vulnerabilità, il rischio di intercettazioni non risulta elevato al momento.

Vuoi ricevere gli aggiornamenti delle news di TecnoGazzetta? Inserisci nome ed indirizzo E-Mail:


Acconsento al trattamento dei dati personali (Info Privacy)