Mediaset sceglie le soluzioni Huawei OceanStor per competere nel mondo IPTV

di Andrea Trapani

Huawei a fianco di Mediaset per affrontare le sfide della trasformazione digitale

La principale emittente televisiva privata italiana sceglie le soluzioni Huawei OceanStor per competere nel mondo IPTV

Huawei continua a supportare Mediaset nelle sfide poste dalla trasformazione digitale attraverso la fornitura degli apparati di storage OceanStor 9000 e OceanStore 5600.

Prosegue dunque in ambito storage la collaborazione nata tra le due aziende 5 anni fa quando Mediaset realizzò la necessità di riprogettare la propria rete IT per posizionarsi in maniera competitiva sul mercato dei servizi televisivi basati su protocollo internet. Oggi Huawei è stata scelta ancora una volta per rispondere alle nuove esigenze del broadcaster privato n.1 in Italia: migliorare l’erogazione dei propri servizi video IPTV da un lato e consolidare le proprie infrastrutture di archiviazione dedicate a tali servizi dall’altro.

Disponendo di due piattaforme (Mediaset Play e Infinity) attraverso le quali eroga contenuti video live oppure on demand e facendosi sempre più pressante la necessità di offrire agli utenti un più ampio portfolio di contenuti online in HD, Mediaset è andata alla ricerca di una soluzione di storage altamente performante e capacitiva che agevolasse le operazioni di ‘content preparation’ e di ‘encoding’ riducendo al contempo il numero di apparati preposti all’archiviazione e i relativi costi di manutenzione.

In particolare, gli apparati Huawei OceanStor 9000, basati su un’architettura distribuita ad alte prestazioni ed elevata scalabilità e dotati di un unico file system di grandissime dimensioni per lo storage di dati non strutturati, hanno consentito l’agevole trasformazione dei contenuti video dal formato originale a quello per la trasmissione via internet e la loro successiva archiviazione per un facile accesso da parte dell’utente finale. Migrando tali contenuti sui nuovi sistemi è stato possibile ridurre il numero totale degli apparati in modo da realizzare così un consolidamento dell’infrastruttura e della produzione.

Il sistema Huawei OceanStor 5600 è stato invece utilizzato per un altro scopo, ossia per la registrazione e successiva archiviazione di tutto il materiale emesso negli ultimi 10 anni dalle reti free to air e a pagamento emesse su Digitale Terrestre. Il materiale, precedentemente conservato su library digitale basata su tecnologia a nastro, è stato riversato su disco per un’archiviazione a lungo termine che non lo espone al rischio di usura e ne consente una più agevole e veloce consultazione per necessità di riutilizzo interno.

“Le soluzioni OceanStor di Huawei hanno risposto perfettamente alle nostre esigenze, consentendoci di attuare un vero e proprio cambio di paradigma” – ha dichiarato Stefano Bossi, Responsabile Content Management Engineering di Mediaset. “Le tecnologie a disco, messe a confronto con le classiche tecnologie di broadcast a nastro, hanno registrato performance sorprendenti dimostrando che esiste un modo più efficiente di immagazzinare grandi quantità di dati. Siamo stati i primi nel settore broadcast ad andare controtendenza affidandoci a questo tipo di sistemi e ne siamo pienamente soddisfatti”.

“Siamo orgogliosi di accompagnare Mediaset nel suo percorso di trasformazione digitale contribuendo così al successo del loro business in un settore, come quello delle IPTV, che continua a evolversi ponendo sfide crescenti” – ha commentato Liu Huibo, Direttore Huawei Italia Enterprise Business Group. “I nostri sistemi di storage della serie OceanStor, caratterizzati da uno straordinario mix in termini di prestazioni, scalabilità e affidabilità, rappresentano la risposta ideale a queste sfide”.

 

Print Friendly, PDF & Email

Vuoi ricevere gli aggiornamenti delle news di TecnoGazzetta? Inserisci nome ed indirizzo E-Mail:


Acconsento al trattamento dei dati personali (Info Privacy)