Serie A, è scontro sui diritti tra SKY e DAZN. La palla all’Antitrust

di Valerio Longhi

Nella vicenda relativa all’assegnazione dei diritti tv per la Serie A 2021/2022, Sky ha annunciato, in una nota inviata alle agenzie di stampa, di aver ufficialmente fatto ricorso all’Antitrust, accusando Dazn e Tv di aver stipulato un “accordo illegittimo di esclusiva”.

La nota recita testualmente che “Sky si è rivolta all’Antitrust per essere sicura che milioni di consumatori e appassionati di calcio possano continuare a sottoscrivere la serie A attraverso una pluralità di fornitori di broadband e guardarla sulla piattaforma che preferiscono – satellite, DTT o OTT – esattamente come oggiTIM, il retailer dominante nella banda larga, ha stipulato un accordo illegittimo di esclusiva con DAZN.


Questo accordo preclude all’OTT la possibilità di distribuire il campionato di Serie A attraverso altri operatori favorendo così TIM e rafforzando la sua posizione dominante nel mercato della banda larga. In un momento cruciale di passaggio per l’Italia dalla banda standard alla banda ultra larga, questo accordo di esclusiva non deve ledere la concorrenza. Per questo Sky invita l’Antitrust ad agire con urgenza per garantire che il campionato di Serie A possa essere fruito da tutti i consumatori  in condizioni che favoriscono la concorrenza e la libera scelta”.

Intanto operatori come WINDTRE si sono schierati per la pluralità tecnologica.

Vuoi ricevere gli aggiornamenti delle news di TecnoGazzetta? Inserisci nome ed indirizzo E-Mail:


Acconsento al trattamento dei dati personali (Info Privacy)