Fake news e over 65, quanto c’è di vero

di Enrico Net

Il sasso lanciato da Repubblica.it si è materializzato direttamente nei commenti sui social del noto quotidiano italiano.

Che il giorno dopo spiega: “Lo studio, che è stato pubblicato sulla celebre rivista scientifica peer-reviewed Science Advances, ha riscontrato che l’8,5% degli utenti analizzati ha rilanciato almeno una volta contenuti palesemente falsi. Ma il dato interessante arriva dalla distribuzione del comportamento nelle diverse fasce d’età: se appena il 3% degli iscritti tra i 18 e i 29 anni ha pubblicato una fake news, la percentuale arriva all’11% nel caso degli over 65, che doppiano in questa non lusinghiera statistica anche i frequentatori di Facebook con un’età compresa tra i 45 e i 65 anni. Dalla ricerca emerge inoltre che chi condivide un numero elevato di link è meno sensibile a condividerne di falsi.”

Ma soprattutto spiega che “le conclusioni dello studio non avanzano alcuna soluzione esaustiva, ma abbozzano due diversi approcci alla lettura dei dati: da una parte l’età avanzata potrebbe rendere questo tipo di utenza meno avvezza all’utilizzo del mezzo internet, dall’altra un grosso impedimento potrebb essere rappresentatp dal delcino cognitivo assocato all’invecchiamento.”

Vuoi ricevere gli aggiornamenti delle news di TecnoGazzetta? Inserisci nome ed indirizzo E-Mail:


Acconsento al trattamento dei dati personali (Info Privacy)