Sicurezza sulle strade, le paure e le preoccupazioni degli italiani

di Thomas De Vido

Gli italiani promuovono e rispettano il codice della strada ma alla guida preoccupano le condizioni delle strade. Cresce la consapevolezza sull’uso del cellulare e sull’assunzione dell’alcol, ma c’è ancora chi ne giustifica l’uso.

Quasi 100 milioni di spostamenti al giorno, con un tempo dedicato di circa 60 minuti e 26,7 km percorsi. Sono i numeri (alti) della mobilità nel nostro Paese che rendono il tema della sicurezza stradale prioritario. Dopo un 2022 con incidenti stradali in aumento (165.889, +9,2% sul 2021), pari a 281,2 ogni 100mila residenti in Italia, e i primi sei mesi del 2023 che confermano questo trend, è pronto il nuovo codice stradale che prevedrà, tra gli altri, l’inasprimento delle sanzioni per l’utilizzo del cellulare alla guida o per chi consuma alcol.

Il (brutto) lato culturale da risolvere

Secondo l’ultima ricerca del Centro Studi di AutoScout24, il principale portale di annunci auto in Italia e in Europa, se da un lato il codice della strada è giudicato positivamente in termini di sicurezza da quasi sei utenti su dieci, dall’altro in Italia c’è ancora un problema culturale: il 14%, infatti, continua a giustificare (in alcune occasioni) chi guida dopo aver assunto alcol, come ad esempio quando lo si “sopporta”, e il 12% chi usa il cellulare senza auricolare/vivavoce, come nel caso di una telefonata urgente. Nonostante questo, non è una bocciatura completa in quanto negli ultimi anni è cresciuta sensibilmente la consapevolezza su questi comportamenti, tanto che l’alcol e il cellulare sono ritenuti gli aspetti in assoluto più gravi.

Come ridurre gli incidenti

Ma per ridurre gli incidenti, secondo gli utenti, non bisogna “lavorare” solo sui comportamenti errati, ma è fondamentale migliorare lo stato delle strade, giudicato negativamente da oltre metà degli intervistati. A causa delle cattive condizioni stradali, infatti, oltre un quarto del campione ha causato o subito nella sua vita almeno un incidente, anche lieve.

Le paure degli italiani

Cosa preoccupa principalmente gli utenti quando sono su strada? Sono proprio gli altri guidatori (per il 73%) e i pedoni (38%), ovvero tutto ciò che può avere a che fare con la distrazione di altre persone. Anche la presenza di buche si conferma una grande fonte di apprensione, indicata da oltre la metà del campione, ma per chi usa abitualmente la bici, sale la paura per i mezzi pesanti (per il 38%, contro una media del 15%). Al contrario, solo il 3% pensa che superare i limiti di velocità sia pericoloso, e infatti ben sette utenti su dieci dichiarano di eccedere a volte o spesso i limiti imposti a livello urbano o extra urbano.

Incidenti stradali

Andando invece a indagare le motivazioni di chi ha provocato un incidente, si vede come la causa principale sia stata la distrazione alla guida (per il 64%), seguita da una mancata osservanza della segnaletica o delle norme di circolazione (18%).

Il confronto tra le regioni

Considerando il 2022, anno in cui sono presenti i confronti regionali dell’Istat, al primo posto per numero di incidenti troviamo, ovviamente per una questione di dimensioni, la Lombardia (28.786), seguita dal Lazio (20.275) e dall’Emilia Romagna (16.679). Ma se confrontiamo il dato sulla popolazione residente, la situazione cambia nettamente: al primo posto si classifica la Liguria con 521,5 incidenti ogni 100mila residenti, un dato nettamente superiore alla media nazionale (281,2). Seguono, a distanza, la Toscana (412,6 incidenti ogni 100mila residenti), l’Emilia Romagna (375,9) e il Lazio (354,4). Le più virtuose sono il Molise (152,1) e la Calabria (154,2).

Regione Incidenti 2022 Var. % incidenti 2022 / 2021 Num. Incidenti 2022 ogni 100mila residenti
LIGURIA 7.863 9,7% 521,5
TOSCANA 15.111 11,1% 412,6
EMILIA ROMAGNA 16.679 9,5% 375,9
LAZIO 20.275 15,9% 354,4
MARCHE 4.951 6,2% 333,6
TRENTINO-ALTO ADIGE 3.121 19,3% 289,7
LOMBARDIA 28.786 11,4% 288,5
FRIULI-VENEZIA GIULIA 3.265 9,9% 273,4
VENETO 13.220 6,6% 272,6
VALLE D’AOSTA 327 32,4% 265,6
UMBRIA 2.252 12,5% 263,0
PIEMONTE 10.148 4,0% 238,7
PUGLIA 9.286 2,2% 237,6
ABRUZZO 2.824 3,5% 221,9
SICILIA 10.444 5,0% 216,9
SARDEGNA 3.313 3,5% 209,9
CAMPANIA 9.821 9,0% 175,1
BASILICATA 914 -0,4% 170,0
CALABRIA 2.847 10,1% 154,2
MOLISE 442 5,0% 152,1
ITALIA 165.889 9,2% 281,2

Fonte: Elaborazione AutoScout24 su base dati Istat

 

 

 

Vuoi ricevere gli aggiornamenti delle news di TecnoGazzetta? Inserisci nome ed indirizzo E-Mail:


Acconsento al trattamento dei dati personali (Info Privacy)