LG fa parlare la TV del proprio ruolo nella casa

di Fabrizio Castagnotto

Il distanziamento sociale di questo periodo fa riemergere il ruolo del TV nelle vite degli italiani, ma una ricerca di LG Electronics dimostra come esso fosse già al centro della socialità della casa

L’Italia, insieme a numerose altre nazioni di tutto il mondo, sta attraversando un periodo difficile a causa della pandemia virale. Durante questi mesi di distanziamento sociale il televisore è ancora più al centro dell’attenzione, sia come strumento per tenersi informati sia come valida alternativa per i momenti di svago.

LG Electronics riporta in questa occasione i risultati di un’indagine, commissionata alla società di ricerche Squadrati, per far parlare gli italiani e la loro passione per il televisore dimostrando la centralità che questo oggetto già aveva nelle case degli italiani, malgrado questa fosse stata più volte messa in dubbio dall’evoluzione dei dispositivi mobili.

Nonostante le grandi possibilità offerte dai device portatili – siano essi PC, smartphone o tablet – il televisore è stato infatti capace di tenere il passo dell‘evoluzione tecnologica riconfermandosi centro dell’intrattenimento, della socialità e dell’interazione nelle case di tutta Italia.

Per capire quanto gli italiani siano affezionati al televisore basti pensare che se il 34% ha dichiarato che il TV è un dispositivo tecnologico di cui andare fieri, più della metà degli intervistati lo porterebbe addirittura con sé se dovesse fare un viaggio nello spazio. Nel confronto con gli altri dispositivi inoltre, il 70% degli intervistati ha dichiarato che preferisce guardare programmi in streaming o on-demand tramite il televisore anziché sul pc/tablet/cellulare, percentuale che sale al 90% tra chi utilizza piattaforme in streaming a pagamento.

Dalla ricerca emerge che il televisore è percepito come uno strumento ludico e d’evasione (relax per il 67%, svago per il 56% e divertimento al 34%), ma rimane molto rilevante come fonte a cui attingere informazioni (per il 42%).

Molto evidente inoltre il riscontro a livello sociale: l’81% degli intervistati ama infatti trovarsi con altre persone – come parenti e amici – davanti al televisore per guardare serie tv, programmi televisivi, eventi sportivi o altri contenuti, e in particolare il 73% ha affermato che il televisore è un mezzo davanti a cui si raduna la famiglia. Per il 30% degli intervistati, infatti, il tempo trascorso davanti al televisore è strettamente correlato alla dinamica sociale, dato che tende a salire nelle famiglie più numerose (4 persone: 38%; 5 persone e più: 44%).

Confronto generazionale

Una cosa certamente mette tutti in comune: essere fan del TV a tutte le età. Ogni generazione ha però mostrato gusti e abitudini diverse, su cui LG ha voluto indagare per capire al meglio quali sono i loro “must-have”.

  • Gen Z (18-23 anni) – socialità, design e tecnologia
    Anche i giovanissimi della Gen Z, sicuramente più attenti agli ultimi trend tecnologici rispetto ad altre generazioni, associano il TV a un momento di condivisione: il 68% infatti non rinuncia a programmi e serie tv in compagnia di amici e parenti, mentre il 72% di loro è convinto che la presenza di più TV in casa porti a un maggiore isolamento.
    Un terzo dei Gen Z inoltre, anche se non economicamente autonomi, strizza l’occhio al design e ritiene che il TV possa portare un tocco di stile in casa. Un dato importante che evidenzia un possibile futuro trend in crescita.
    Le caratteristiche tecniche di un TV sono un altro aspetto determinante nell’acquisto soprattutto da parte della Gen Z (54% vs 47% di media): essere sempre al corrente dei nuovi trend e delle nuove tecnologie sui vari network aumenta le aspettative nel momento dell’acquisto.
  • Millennials (24 – 38 anni) – TV, relax e compagnia
    La fascia 24-38 anni è quella che più di altre apprezza l’utilizzo del TV come mezzo di relax e svago. A 8 Millennials su 10 piace infatti ritrovarsi con amici e familiari per guardare le serie TV preferite, e ben l’84% di loro preferisce guardare i contenuti in streaming attraverso il televisore anziché tramite altri device dagli schermi più piccoli, visti come prodotti più individuali.
    Partite, serie TV e serate all’insegna del relax rendono il TV un oggetto must-have. Non a caso, sono soprattutto i Millennials quelli che non rinuncerebbero al televisore in un ipotetico viaggio nello spazio (63% vs 54% di media).
  • Gen X (39-53 anni) – decisori e multitasker
    La Gen X, come anche i Millennials, è fortemente caratterizzata da multitasking: gli intervistati di età compresa tra i 39 e i 59 anni dichiara infatti di sfruttare il tempo passato davanti al TV per fare lavori in casa (43% vs. 36% di media); navigare in rete (42% vs 36%) e chattare tramite cellulare (49% vs 27%).
    Nonostante siano dei multitasker e diano attenzione a più dispositivi simultaneamente, sono soprattutto gli uomini della Gen X (74%) a definirsi decisori ultimi nell’acquisto di un televisore.
    Interessante quanto emerge su questa categoria di “decisori ultimi” nell’acquisto di un televisore: la Gen X dà grande importanza al fatto che il TV sia Smart (69%) e quindi in grado di connettersi ad altri device e utilizzare l’intelligenza artificiale, accentuando così il tanto amato multitasking. Questo aspetto si nota generalmente nelle fasce di età più avanzate: non a caso, anche i Baby Boomers affermano di essere più interessati ad un prodotto Smart (74%).
  • Baby Boomers (54-64 anni) – informazione e intrattenimento
    Il must dei Baby Boomers è quello di accendere la televisione per informarsi ed essere aggiornati sulle ultime notizie, sono soprattutto loro ad associare l’uso del TV all’informazione, ma non solo. Sono infatti i Baby Boomers quelli che più preferiscono guardare un film tramite il televisore anziché andare al cinema (67% vs 57% di media del campione).
    Il televisore è un simbolo tecnologico che raggruppa generazioni e abitudini di tutto il mondo, e anche i Baby Boomers confermano la preferenza di questo mezzo su tutti gli altri. Non a caso, il 98% di loro ha un televisore in casa. 

Il TV al centro della casa Con i propri prodotti LG si impegna a rispondere ai più disparati bisogni degli utenti, che si concretizza offrendo il massimo da tutti i punti di vista, con caratteristiche in grado di arricchire la casa in termini di design e oltre che di tecnologia.

Proprio in quest’ottica, tutti i modelli della collezione di TV LG 2020 si trasformano in un complemento di arredo di lusso anche a schermo spento, senza rinunciare a prestazioni di altissimo livello: il cuore tecnologico dei nuovi modelli è il processore α9 (Alpha) Gen 3 AI che porta la qualità di immagini e suoni a livelli senza precedenti attraverso numerose funzioni studiate appositamente per riprodurre efficacemente tutti i tipi di contenuti, tra cui film e serie TV, giochi ed eventi sportivi.

Per socializzare al massimo e avere mille motivi per invitare amici e familiari a guardare insieme i contenuti preferiti, l’interfaccia smart TV webOS di LG permette l’accesso rapido a tutte le più ricercate app tra cui NowTV, Netflix, Prime Video, DAZN, Chili, Rakuten, Raiplay, Mediaset Play e YouTube, a cui si aggiungono nel 2020 Disney+ e Apple TV.

Infine, oltre alla piattaforma di intelligenza artificiale LG ThinQ AI, i TV LG sono compatibili con piattaforme di terze parti come Google Assistant, Amazon Alexa e Apple Airplay 2/Apple HomeKit – per una perfetta integrazione con i dispositivi smart della casa.

 

Print Friendly, PDF & Email

Vuoi ricevere gli aggiornamenti delle news di TecnoGazzetta? Inserisci nome ed indirizzo E-Mail:


Acconsento al trattamento dei dati personali (Info Privacy)