Innovazione, dalle infrastrutture al turismo: i dibattiti per lo sviluppo di Primavera d’Impresa

di Valerio Longhi

Un confronto tra aziende del settore per capire come le infrastrutture possono creare sviluppo per i territori della Toscana ma anche incontri B2B, dibattiti su cultura, turismo e Pnrr.

Sono i temi al centro dell’evento conclusivo dell’edizione 2022 di Primavera d’Impresa, il concorso organizzato dalla cooperativa Crisis, rivolto a micro, piccole e medie imprese – di tutti i settori merceologici – che siano riuscite, introducendo modifiche sul mercato e/o nel proprio sistema produttivo, a raggiungere una maggiore competitività. L’iniziativa, fino a domani al Palazzo dei Congressi di Firenze, ha visto la candidatura di 116 imprese innovative: tre di queste saranno premiate domani, a partire dalle 17. 

L’edizione 2022 si è aperta con i saluti del governatore della Toscana Eugenio Giani, del sindaco di Firenze Dario Nardella e di Cristina Nati, presidente di Crisis. Previsti incontri B2B dedicati ai candidati ed ai partner di Primavera d’Impresa. I lavori sono partiti con il panel dal titolo “Organizzare l’azienda in modo vincente”, moderato dal direttore di Stradenuove Francesco Carrassi. Spazio poi all’approfondimento “Infrastrutture, quali leva di sviluppo dei territori”, moderato dal vice direttore de “Il Tirreno” Cristiano Meoni, a “Cultura nell’era digitale-L’esperienza del Museo Casa di Dante”, moderato nuovamente da Carrassi e “Qualità del lavoro e sostenibilità economica”. Domani si parlerà di “Turismo post pandemia”, “Pnrr: un’occasione di innovazione per il Paese e di collaborazione tra accademia e imprese”, “Tecnologia e ambiente”.

“I temi che affrontate nella vostra due giorni dall’organizzazione del lavoro, alla sua qualità, fino ai processi di sostenibilità e di transizione sono assolutamente centrali in questa fase. Sicuramente gli obiettivi di crescita e sviluppo non possono prescindere anche da elementi come il benessere dei lavoratori – ha detto il ministro per il Lavoro Andrea Orlando, che ha fatto arrivare un messaggio di saluto -. In una fase complessa come quella che stiamo attraversando, dopo due anni di pandemia e una guerra che sta scompaginando ogni equilibrio conosciuto il fattore della coesione diventa assolutamente strategico”. 

Tra i presenti anche la deputata di Forza Italia e membro della Commissione ambiente, territorio e lavori pubblici della Camera Erica Mazzetti, che ha parlato di infrastrutture: “In Toscana sono un problema, la nostra regione è isolata e Firenze ancor di più, è un dato di fatto e non propaganda politica – ha detto -. Basta un qualunque evento, i lavori su una strada e si blocca tutto, con danni per imprese e cittadini. Dobbiamo ripensare le infrastrutture, non siamo nel Medioevo! Serve un piano strategico per le infrastrutture strategiche toscane. Non si può pensare solo all’ampliamento dell’aeroporto di Firenze”.

Cristina Nati ha sottolineato l’importanza “dei momenti continui di B2B, dove le aziende si incontrano e si conoscono”, così come la centralità di temi “come innovazione, ambiente, lavoro”. 

Domani, prima della premiazione dei vincitori, si svolgerà un’agorà che vedrà la partecipazione di enti, università, associazioni e ospiti nazionali, moderata da giornalisti coordinati dai direttori della testata “Stradenuove”, Francesco Carrassi e Luca Telese, il direttore de “Il Tirreno” Luciano Tancredi. Sempre domani, alle 17, saranno premiati i due vincitori del contest fotografico “Il futuro in un click: idee per lo sviluppo del Paese”, realizzato da Primavera d’Impresa, Associazione 46° Parallelo e con il sostegno della Regione Toscana: si tratta di Alessia Di Gregorio (categoria 14-18 anni), con un fotoreportage che si intitola “Spensieratezza” e Francesca Pavoni (categoria 19-24 anni), con un lavoro dal titolo “Giovani d’oggi”. 

Vuoi ricevere gli aggiornamenti delle news di TecnoGazzetta? Inserisci nome ed indirizzo E-Mail:


Acconsento al trattamento dei dati personali (Info Privacy)