IBM e Meta danno il via all’AI Alliance, i membri e le finalità

di Thomas De Vido

IBM e Meta danno il via all’AI Alliance, una comunità internazionale di sviluppatori, ricercatori e utilizzatori delle migliori tecnologie che collaborano insieme per promuovere un’Intelligenza Artificiale aperta, sicura e responsabile. La collaborazione vede oltre 50 membri fondatori e collaboratori a livello globale, tra cui AMD, Anyscale, CERN, Cerebras, Cleveland Clinic, Cornell University, Dartmouth, Dell Technologies, EPFL, ETH, Hugging Face, Imperial College London, Intel, INSAIT, Linux Foundation, MLCommons, MOC Alliance gestita dalla Boston University e dall’Università di Harvard, NASA, NSF, Oracle, Partnership on AI, Red Hat, Roadzen, ServiceNow, Sony Group, Stability AI, Università della California Berkeley, Università dell’Illinois, Università di Notre Dame, Università di Tokyo, Università di Yale e altre, oltre all’International Center for Theoretical Physics di Trieste.

Focus dell’AI Alliance è la promozione di una comunità aperta per sviluppatori e ricercatori per accelerare l’innovazione responsabile nell’AI, garantendo rigore scientifico, fiducia, sicurezza, diversità e competitività economica. L’aggregazione dei principali sviluppatori, di scienziati, istituzioni accademiche, aziende e altri innovatori e la sinergia tra risorse e conoscenze permetterà di fronteggiare i problemi nell’area della sicurezza e mettere a disposizione di ricercatori, sviluppatori e utenti di tutto il mondo una piattaforma per la condivisione e lo sviluppo di soluzioni.

Vuoi ricevere gli aggiornamenti delle news di TecnoGazzetta? Inserisci nome ed indirizzo E-Mail:


Acconsento al trattamento dei dati personali (Info Privacy)